Accedi
per partecipare

Oppure

Non hai un Account?

Conferma Iscrizione

Sei sicuro di volerti iscrivere a questo evento?

Iscriviti

Programma

Giorno

Settore

Relatore

Fino all'ultima vita

10:00 - 11:30

venerdì 11

SETTORE:
Inaugurazione
LUOGO:
Piazza Napoleone
SALA:
Sala A

Don Virginio Colmegna Casa della Carità di Milano

Testimonianza di Irene Ciambezi Associazione Papa Giovanni XXIII

Perché queste evento di apertura? Gioventù perduta o invisibile: chi se ne prende cura? Lo scandalo dei minori abbandonati a loro stessi nelle periferie o nei quartieri "caldi" delle città; i minori migranti invisibili che cadono nelle trappole dello sfruttamento lavorativo o sessuale. Le storie di chi non si rassegna e porta il recupero e la cura nelle frontiere più dimenticate del nostro Paese: storie di dono, storie di speranza. 

Donarsi per ritrovarsi

11:30 - 13:00

venerdì 11

SETTORE:
Donazione
LUOGO:
Piazza Napoleone
SALA:
Sala A

In collaborazione con l'Istituto Italiano della Donazione (IID)

Intervengono Edoardo Patriarca Presidente IID Pasquale Calemme Fondazione di Comunità San Gennaro Cinzia Di Stasio Segretario Generale IID

Perché questo convegno? Il 4 ottobre è il Giorno del Dono: un'occasione per l'Italia per far crescere la cultura del dono in tutte le sue forme. L’evento organizzato insieme all'Istituto Italiano della Donazione mette a dialogo Pasquale Calemme della Fondazione di Comunità San Gennaro e i ragazzi protagonisti dei progetti che la Fondazione porta avanti con  giovani che aderiscono al Giorno del Dono per le scuole. Con questo evento si aprono ufficialmente le iscrizioni per imprese, associazioni non-profit, comuni e cittadini per candidarsi al contest nazionale #DonareMiDona.

Dentro o fuori?

14:30 - 16:00

venerdì 11

SETTORE:
LUOGO:
Piazza Napoleone
SALA:
Sala A

Il futuro delle associazioni del Terzo Settore dopo la riforma

Conduce Riccardo Bonacina Vita Non Profit Magazine

Intervengono Dianora Poletti Università di Pisa Paolo Venturi Direttore di Aiccon
Tavola rotonda con Luigi Bobba Sottosegretario al Lavoro e alle Politiche Sociali, Claudia Fiaschi Portavoce del Forum Nazionale del Terzo Settore Stefano Tabò Presidente di CSVnet

Conclude Edoardo Patriarca Presidente CNV

Perché questo convegno? Una nuova legislatura attende gli ultimi atti applicativi della riforma del terzo settore il cui cammino di attuazione deve essere ancora terminato. Ma la strada è stata tracciata e i confini del terzo settore e delle sue potenzialità nitidamente disegnati. Oltre alle tante possibilità di crescita e innovazione che i soggetti del terzo settore possono cogliere dalla riforma, ci sono anche rischi e preoccupazioni rispetto ai numerosi vincoli. Stare dentro o fuori i confini della riforma? 
 

Donazione: parliamone per saperne di più

14:30 - 16:00

venerdì 11

SETTORE:
Spazio Associazioni
LUOGO:
Piazza Napoleone
SALA:
Sala C

in collaborazione con AIDO Lucca

Dialogo con Vinicio Fruzzetti vice presidente vicario AIDO Lucca

Perché questo convegno? Informazione/formazione per la cittadinanza sulle tematiche relative alla donazione e al trapianto di organi, tessuti e cellule; sulle modalità di intervento in caso di decesso di un donatore da parte dei sanitari.

Uno e molti

14:30 - 16:00

venerdì 11

SETTORE:
Terzo Settore
LUOGO:
Piazza Napoleone
SALA:
Sala B

Il volontariato individuale come impegno sociale

Conduce Alberto Chiara Famiglia Cristiana

Intervengono Raffaela Milano Direttore programmi Italia/Europa Save The Children Lorenzo Bandera Secondowelfare

Tavola rotonda con Rita Cutini Comunità di Sant'Egidio Ettore Focardi Coordinamento regionale DIPOI Federico Boccaletti Coop. Anziani e non solo

Conclude: Filomena Albano Autorità garante per l'Infanzia e l'adolescenza

Perché questo convegno? Partecipazione sociale da sempre declinata soprattutto in forma associativa, l'attività di volontariato sperimenta oggi, fra le tante nuove frontiere, anche l'impegno individuale integrato in una visione ampia di terzo settore come risposta collettiva alle vulnerabilità e le fragilità sociali. Queste nuove risposte non sono sempre riconducibil all'idea classica di volontariato e si sviluppano contaminandosi anche con altre forme di impegno. Metterle in dialogo è una delle opportunità per farle crescere.

Processo alle Ong

16:30 - 18:00

venerdì 11

SETTORE:
Cooperazione Internazionale
LUOGO:
Piazza Napoleone
SALA:
Sala B

Conduce Ilaria Sotis Rai Radio 1

Introduzione di Silvia Stilli Portavoce AOI

Tavola rotonda con Andres Dahalbek Consulente Ricerca e Policy per ONG Raffaela Milano Direttore programmi Italia/Europa Save The Children Maurizia Iachino Presidente Oxfam Italia Gabriele Eminente Direttore Generale Medici Senza Frontiere

Perché questo convegno? Sono finite sul banco degli imputati, prima per la loro condotta in mare di salvataggio dei migranti che arrivano in Italia per chiedere protezione internazionale, poi per l'emersione di alcuni scandali nei Paesi dove portano avanti le azioni di cooperazione. Ma colpire la credibilità delle Ong significa anche affondare la cultura della solidarietà che ha un enorme valore in chiave sociale ed educativa. Un processo alle Ong per condividere idee e strategie per rilanciare un'idea di solidarietà a rischio estinzione.

Nessuno escluso

09:30 - 11:30

sabato 12

SETTORE:
Povertà
LUOGO:
Piazza Napoleone
SALA:
Sala B

Conduce Giovanna Rossiello Giornalista Rai

Intervengono Giulio De Rita Direttore Censis Linda Laura Sabbadini Statistica Sociale

Tavola rotonda con Dino Barbarossa Fondazione Ebbene Enzo Costa Presidente Auser Sofia Rosso Presidente Anteas   Marianna De Vita Associazione Una Speranza Salerno 

Perché questo convegno? L'impoverimento delle condizioni materiali e dei legami sociali delle famiglie italiane definisce uno stato di crisi e vulnerabilità permanente molto più profonda di quanto gli indicatori economici possano rivelare. Nuclei e soggetti fragili (minori, anziani, famiglie numerose, famiglie con persone con disabilità) rischiano di rimanere fuori da qualsiasi processo di inclusione sociale. Oltre lo scandalo delle vite perdute, il lavoro quotidiano di ricucitura del tessuto sociale ad opera del terzo settore e della cittadinanza responsabile è un patrimonio di idee e pratiche da promuovere e diffondere. Inclusione, fiducia e prossimità sono gli asset ideali e concreti su cui ricostruire una narrazione del Paese che sappia ricomporre i cocci con una visione di insieme.

Il giornalismo più scomodo: quello costruttivo

09:30 - 13:30

sabato 12

SETTORE:
Comunicazione
LUOGO:
Piazza Napoleone
SALA:
Sala A

Strumenti di orientamento nell'accesso alle fonti giornalistiche [Convegno accreditato per la formazione continua dei giornalisti*]

Intervengono: Vittorio Di Trapani Giornalista Rai e Segretario Usigrai Ilaria Sotis Rai Radio 1 Elisabetta Soglio Caporedattrice Corriere della Sera e Responsabile Corriere Buone Notizie Rappresentante* Ordine dei Giornalisti

Perché questo convegno? L'incontro, organizzato nell'ambito dell'ottava edizione del Festival Italiano del Volontariato, ha la finalità di condividere coi giornalisti strumenti di orientamento nell'accesso alle fonti giornalistiche di qualità. In un'epoca caratterizzata dalla crescente sfiducia anche verso il mondo del giornalismo, germogliano esperienze e pratiche orientate allo sviluppo e affermazione di prodotti editoriali e giornalistici di qualità che si caratterizzano per la positività e la credibilità delle notizie. Un confronto formativo sulla deontologia e le forme di giornalismo costruttivo.

 

Forme di disagio sociale

10:30 - 11:30

sabato 12

SETTORE:
Spazio Associazioni
LUOGO:
Piazza Napoleone
SALA:
Sala C

In collaborazione con ADA – Accoglienza, disagio Adulti ed Anziani Lucca

Introducono Giampiero Pappalardo Presidente ADA Rosaria Raspi Vicepresidente ADA

Intervengono Brunella Da Mommio Psicologa Relazionale Elisabetta Nannizzi Psicologa

Perché questo convegno? L'incontro, vuole sensibilizzare la cittadinanza rendendola consapevole dei diversi disagi sociali presenti sul territorio e delle nuove forme di sostegno e accoglienza con testimonianza dal vivo di “nonni affidati”. Con l’occasione sarà presentato il libro dell’associazione che raccoglie le testimonianze dei volontari.

Accompagna un volontario

11:00 - 12:30

sabato 12

SETTORE:
Spazio Associazioni
LUOGO:
Palazzo Ducale
SALA:
Sala Tobino

Premiazione degli alunni dell'IIS Civitali

Durante l'evento verranno premiati gli alunni dell'Istituto M. Civitali di Lucca che partecipano da tre anni al progetto "Accompagna un volontario" e presentata una pubblicazione che raccoglie le testimonianze degli alunni durante lo svolgimento del volontariato in ospedale.

Testa e cuore

11:00 - 13:00

sabato 12

SETTORE:
Donazione
LUOGO:
Piazza Napoleone
SALA:
Sala C

Donazione di sangue e stili di vita per vivere “comodamente”

in collaborazione con Avis Nazionale e Avis Toscana

Perché questo convegno? Sarà occasione di presentazione della ricerca che AVIS Nazionale ha fatto insieme al COA (Centro Operativo Aids dell'Istituto Superiore di Sanità) con la testimonianza di un'esperienza associativa di Avis.

Housing Sociale: l’esperienza di Auser Abitare Solidale

11:30 - 13:00

sabato 12

SETTORE:
Spazio Associazioni
LUOGO:
Piazza Napoleone
SALA:
Sala B

in collaborazione con Auser Volontariato Toscana e Auser Abitare Solidale

Saluti Stefano Rosellini Presidente Auser territoriale di Lucca Lucia del Chiaro Assessore al Sociale Comune di Lucca

Presiede Simonetta Bessi Presidente Auser Volontariato Toscana

Tavola rotonda con Renato Campinoti Presidente Auser Abitare Solidale Daniela Micheletti direttrice Fondazione Casa Gabriele Danesi coordinatore Auser Abitare Solidale Paola Garvin Direzione Walfare e Sport Regione Toscana

Conclude Enzo Costa Presidente Auser Nazionale

Il nuovo ruolo del volontariato nella riforma della Protezione Civile

14:30 - 16:00

sabato 12

SETTORE:
Protezione civile
LUOGO:
Piazza Napoleone
SALA:
Sala A

Conduce Luca Calzolari Direttore ilgiornaledellaprotezionecivile.it

interviene Fabrizio Curcio* Consulente Presidenza del Consiglio dei Ministri

Tavola rotonda con Raffaella Mariani Deputata Relatrice della Legge di Riforma Chiara Braga Deputata prima firmataria Legge di Riforma Rappresentante Croce Rossa Italiana, Fabrizio Pregliasco Presidente Anpas Rappresentante Confederazione Misericordie d’Italia Sergio Achille Presidente Assodima

Perché questo convegno? La Protezione civile italia ha un modello unico ed efficiente. È stato più volte indicato dai paesi esteri come il miglior esempio possibile. Eppure, dall'istituzione del Servizio nazionale (legge 255/92), i bisogni sono cambiati e un mosaico di provvedimenti successivi ha reso il quadro normativo più complesso. Ora c'è un nuovo codice che, semplificando, garantisce ordine, velocità, efficacia. Le novità riguardano anche il ruolo del volontariato. Cosa cambia, nel dettaglio? Proviamo a spiegarlo.

Potenzialità e criticità del nuovo codice della protezione civile: il sistema Toscana

16:30 - 18:00

sabato 12

SETTORE:
Protezione civile
LUOGO:
Piazza Napoleone
SALA:
Sala A

in collaborazione con Assodima

Intervengono Paolo Masetti Sindaco di Montelupo Fiorentino e Delegato alla protezione civile Anci Toscana Riccardo Gaddi Responsabile Protezione Civile Regione Toscana Elvezio Galanti Geologo già Direttore Generale del Dipartimento della Protezione Civile Sergio Achille Presidente dell’Associazione Nazionale Disaster Manager Riccardo Romeo Jasinski Disaster Manager Responsabile sede Toscana Giovanni Vannucci Disaster Manager Coordinatore Provinciale Associazioni Volontariato protezione civile di Lucca.

Sono stati invitati i Responsabili nazionali Anpas, Misericordie, CRI, Fir Cb e Cavalieri di Malta.

Montagnaterapia, tra cura e inclusione

16:30 - 18:00

sabato 12

SETTORE:
Spazio Associazioni
LUOGO:
Piazza Napoleone
SALA:
Sala B

in collaborazione con il Club Alpino Italiano

Conduce Luca Calzolari (direttore Montagne360)

Intervengono Ornella Giordana e Marco Battaìn La montagna che aiuta, Cai Torino Gigliola Galvagni e Sara Foradori Società Alpinisti Tridentini Aldo Terreni La montagna per tutti, Cai Firenze

Testimonianza Giuseppe Comuniello alpinista non vedente

Conclusioni Lorella Franceschini Vicepresidente Generale Cai
Proiezioni "Il mantello di San Martino" (trailer, 1' 20'') e "Ma oggi no" (cortometraggio, 5')

Perché questo convegno? Dal rifugio sociale alle arrampicate con tossicodipendenti, disabili, non vedenti. La montagna, inclusiva per natura, grazie al Club alpino italiano si fa sociale e trova la sua funzione anche in ambito sociosanitario. Accogliendo malati e persone affette da patologie psichiatriche, la montagnaterapia ha fatto nascere esperienze destinate ad abbattere pregiudizi e differenze, migliorando la qualità della vita dei più deboli.

Special Olympics 1968 -2018

10:00 - 13:00

domenica 13

SETTORE:
Spazio Associazioni
LUOGO:
Piazza Napoleone
SALA:
Sala C

50 anni da celebrare: quando lo sport può facilitare i processi inclusivi

in collaborazione con Special Olympics Italia - L'Allegra Brigata

Incontro e tavoli tematici tra associazioni e team scolastici della Regione Toscana